sharing + europe = ?

Due parole messe insieme non a caso.

  • Sei nato europeo, sei cresciuto europeo, quindi sai che non c’è Europa senza condivisione.
  • Hai scelto di fare l’erasmus perchè avevi voglia di confrontarti con nuove culture.
  • Hai aperto la valigia, tirato fuori un pacco di spaghetti e invitato a cena la finlandese conosciuta in aereo, l’olandese con cui hai preso in affitto un appartamento e la coppia tedesca con cui frequenti il corso di “Relationes internationales” all’università.
  • Odi tanto studiare l’inglese, ma quando viaggi e la guida parla solo inglese e la capisci solo a metà, giuri che appena torni in Italia ti iscrivi al corso serale intensivo organizzato dal quartiere e inizi a vedere “Friends” in lingua originale.
  • Conservi gelosamente una moneta da 2 euro con dei fiori incisi perchè ti ricorda il giorno in cui la tua amica finlandese ti ha spiegato che erano “lamponi artici” e non vedi l’ora di vederli dal vivo ora che la incontrerai al suo matrimonio dopo 10 anni.

E poi succede che fai dell’Europa la tua fonte di ispirazione giornaliera: ci sono i finanziamenti europei, i commissari delle DG, gli europarlamentari, gli euro e le istituzioni, ma quello che respiri e vivi ogni mattina è la passione che muove chi come te lavora nella cooperazione europea. Ricordi ancora il primo kick off meeting al quale hai partecipato: l’emozione di mostrare ad una delegazione di portoghesi, francesi, rumeni e spagnoli il tuo territorio, le tue buone pratiche, i modelli che hai messo a punto e che vuoi provare a duplicare in altri paesi.

E c’è il giovane inglese che sta svolgendo il tirocinio Leonardo da Vinci nel tuo ufficio e ti racconta, nell’italiano che ha perfezionato durante il corso di lingua previsto dal progetto nel primo mese di soggiorno, che sta puntando tanto in questa esperienza, perché il mercato del lavoro guarda con occhi diversi a chi ha vissuto per un po’ all’estero.

E passano gli anni e ti guardi indietro e vedi che nel tuo cammino hai incontrato tante persone e ognuna ti ha lasciato una parte di sé, del suo mondo, della sua identità e ti ha permesso di diventare ciò che sei adesso. E  il bagaglio che ti porti sulle spalle e che ti sta accompagnando in questo viaggio è pieno di sapori, odori, gesti e pensieri che ti fanno amare sempre più il motore della tua vita…
È tutto questo che ha dato origine a Sharing Europe.

Annunci