Quando un libro ti chiama

Lo dico da tempo ma tutte le volte che mi capita mi stupisco come la prima volta. 

I LIBRI TI CHIAMANO.

È come se si accendesse un piccolo led nella tua libreria oppure una leggera scossa lo facesse avanzare nella mensola. Ma ad un certo punto lo noti.

È lì che ti dice: Scegli me, scegli me!

Per tre mattine distrattamente di corsa ho infilato in borsa un libro a caso perché: 

Forse è arrivato il suo momento! con Cinque inviti. [Ma non lo era neanche stavolta].

Vediamo che gli passa per la testa! con Diario di un seduttore. [Ma ricalcare con la matita le stesse frasi sottolineate 10 anni fa mi aveva annoiato presto].

Lo rileggo ché mi era piaciuto e non me lo ricordo con L’enigma dei tre omini. [Ma poi in treno avevo trovato compagnia e l’avevo rapidamente chiuso e mai riaperto].

E poi mercoledi mattina dopo colazione  ci riprovo.

Torno davanti a quello scaffale. Oscillo da sinistra a destra.
Click. Il
 led.
Tac. La scossa.

E tu? da dove spunti? penso, quando lo afferro e lo apro. Dentro ha un segnalibro della Mondadori di Corso Mazzini a Catanzaro.

…Uhm, un regalo forse? Non ha dedica. “Nick Hornby” ma dai… quello che NON ha sposato Simonetta Agnelli come credevo… vabbè, proviamo.

È così che ho cominciato Alta Fedeltà.

635824C7-D063-46EC-88BD-4C63B6BA86AE
Oggi sono al giorno Ventitré (per chi non si ricorda la divisione in capitoli, sono oltre la metà!).

Vivo momenti Amarcord pensando alla segreteria telefonica, al Lato B delle musicassette, ai biglietti d’auguri spediti per posta. E intanto alterno la lettura all’ascolto di una playlist su Spotify di qualcuno che mi ha anticipato e ha raccolto tutti i brani citati nel libro.
Rifletto sulle personalità amare, sulla musica che ti può cambiare l’umore e persino il carattere, sui punti di vista di una stessa storia, sulle relazioni prima dei social, sul tempo che a volte è giusto, altre volte ti fotte, a volte lo insegui, altre lo superi.

È da stamattina che tiro corto al telefono o su whatsapp perché voglio sapere come andrà a finire.

Ma fra poco dovrò uscire. Domani ho una festa di compleanno in costume.

Tema: anni 70-80-90.

È dura notare che dovrò pensare a come mi vestivo da adolescente per trovare un costume in maschera…

Bè, ecco per fortuna che mi ha chiamato  Rob e ci siamo fatti compagnia 😉

Annunci

Raccontarsi per conoscersi

Promise me you’ll always remember: you’re braver than you believe, and stronger than you seem, and smarter than you think.”― Winnie the Pooh

A maggio sono stata a Budapest per un corso di formazione dal titolo “Set your story free“, basato sulla condivisione di storie di vita raccontate direttamente dai partecipanti e dai trainer utilizzando diversi metodi di storytelling.

Sii vulnerabile per diventare coraggioso!“: credo che questa sia la più importante lezione appresa dopo 6 intensi giorni a stretto contatto con quasi 30 persone di tutte le età, provenienti dai più disparati paesi d’Europa e con background meravigliosamente variegati.

Per 6 giorni presso lo Youth Centre del Consiglio d’Europa abbiamo ascoltato, raccontato, imparato ed esplorato vari modi di raccontare storie, coordinati da quattro trainer e supportati da strumenti di lavoro per il cuore, l’anima e il corpo. Inizialmente come estranei, ogni giorno ci siamo riuniti in gruppi più piccoli, non solo per studiare e condividere esperienze, ma per aprirci e provare a capire attraverso nuovi strumenti (il disegno, l’ascolto attivo, il teatro, la mappa della vita, il viaggio dell’eroe, etc.) cosa ci avesse portato in Ungheria.

Abbiamo danzato ad occhi chiusi, disegnato il nostro percorso, abbiamo creato la pioggia, abbiamo mostrato un oggetto e ci siamo descritti attraverso di esso, abbiamo imparato ad osservarci e ascoltarci con tutti i sensi e a raccogliere storie di luoghi, organizzazioni, persone.

Ognuno di noi era una storia. Quella di un’infanzia segnata dalla deportazione. Di una felicità accolta a braccia aperte. Di un lavoro difficile. Della fine di un amore. Di un lutto di un caro. Di un figlio in arrivo.

Piangere, ridere, fare le smorfie, urlare numeri, travestirsi o ideare scenografie di Haka: tutto era concesso se poteva servire ad aprirci, mettere al centro le proprie vulnerabilità, sciogliere i nodi per poter tornare a casa con un bagaglio alleggerito dalle resistenze, ma pieno di tesori.

Nel mio viaggio di ritorno il mio bagaglio a mano era diverso. Conteneva: una mappa dell’Europa con 30 nomi segnati su altrettanti luoghi, un libricino della Turchia, un frutto condiviso, il calore della sauna, un sacchetto di paprika, le lacrime di gioia di chi lavora presso Bator Tabor, un’idea di mappe costruite su storie che si incrociano e prendono direzioni diverse per poi ritrovarsi chissà dove, un invito a Cipro, un ringraziamento speciale, mille abbracci… e quella forza di raccogliere ancora storie, conoscere, ascoltare, aprirsi, raccontare… per non avere paura… per arricchirsi.

Grazie ai trainer, grazie a tutti i compagni di questo viaggio, grazie all’Agenzia Nazionale Ungherese – Tempus Public Foundation, grazie a Erasmus +, grazie Europa!

ALTRE FOTO QUI.